COMUNE DI MASON VICENTINO

L’assistente sociale Bruna Orsato – tel. 0424/708021 int.5 – riceve presso il Comune di Mason Vicentino il:
-         martedì dalle ore 10.30 alle ore 13.00
-         venerdì dalle ore 10.30 alle ore 13.00
In altri orari si può contattare presso al sede dell'Unione Montana Marosticense al tel. 0424/479305
 
L’ufficio Servizi Sociali – tel. 0424/70821 int. 5 – è aperto:
dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.30
 
 
Presso gli uffici comunali l'Assistente Sociale svolge i seguenti compiti:  
L’ufficio Servizi Sociali fornisce informazioni sulle seguenti risorse in campo socio-assistenziale e la prassi per accedervi:
 
·                    Assegno di maternità
·                    Assegno per nucleo familiare numeroso
·                    Assistenza economica ordinaria
·                    Assistenza economica straordinaria
·                    Assegno di cura
·                    Abbattimento barriere architettoniche L. R. n. 41/93 e L. n. 13/89
·                    Contributo per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione
 

Assegno di Maternità

L'assegno di maternità è erogato alle madri per cinque mensilità il cui valore è aggiornato annualmente
Requisiti richiesti: Modalità di presentazione della domanda:
La richiesta deve essere presentata esclusivamente dalla madre entro 6 mesi dalla data del parto.
Visualizza il modulo
 

Assegno per nucleo familiare numeroso

L’assegno è erogato ai nuclei familiari aventi almeno 3 minori ed il valore mensile è aggiornato annualmente
Requisiti richiesti: Modalità di presentazione della domanda:
La richiesta deve essere presentata quando sussiste il requisito dei 3 figli minori.
Visualizza il modulo

 

Assistenza economica ordinaria

E' un'iniziativa tesa al superamento dello stato di indigenza della famiglia o della persona mediante l'erogazione di contributi economici.
Requisiti richiesti:
Il contributo è erogato alle famiglie o alle persone che versano permanentemente in difficoltà economiche in quanto impossibilitate a provvedere al mantenimento proprio o dei familiari a carico per cause fisiche, psichiche o sociali.
Modalità di presentazione della domanda:
La domanda dovrà essere avanzata all'Assistente Sociale, che provvederà ad accertare le situazioni personali che impongono l'adozione di tale provvedimento. L'erogazione del contributo sarà oggetto di valutazione da parte della Commissione speciale assistenza comunale.
 

Assistenza economica straordinaria

Trattasi di un intervento a favore della famiglie o delle persone che si trovano in particolari e straordinarie condizioni di disagio economico e sociale, e consistente nella erogazione "una tantum" di somme di denaro.
Requisiti richiesti:
Ne possono usufruire i cittadini privi di reddito o con reddito insufficiente, che si trovino in un particolare stato di difficoltà dovuta a cause straordinarie.
Modalità di presentazione della domanda:
La domanda dovrà essere avanzata all'Assistente Sociale, la quale provvederà ad accertare le situazioni di emergenza che impongono l'adozione di tale provvedimento. L'erogazione del contributo sarà oggetto di valutazione da parte della Commissione speciale assistenza comunale.
 

Assegno di cura (DGR 39/2006)

L’assegno di cura sostituisce dal primo gennaio 2007 i precedenti interventi (L. R. 28/91, contributo Alzheimer, contributo badanti) finalizzati a sostenere la presenza a domicilio delle persone in perdita di autonomia fisica e/o psichica.
L’entità del contributo varia a secondo del grado di non autosufficienza e dell’importo ISEE del nucleo familiare a cui appartiene il soggetto assistito.
Requisiti richiesti:
Perdita di autonomia fisica e/o psichica.
Modalità di presentazione della domanda:
Presentare all’Ufficio Servizi Sociali modulo di domanda corredato dalla seguente documentazione:  

Abbattimento barriere architettoniche L. R. n. 41/93 e L. n. 13/89.

Trattasi di contributi economici riconosciuti a coloro che realizzano lavori per l'eliminazione delle Barriere Architettoniche. Attualmente la materia è disciplinata dalla Legge Nazionale 13/1989 e dalla Legge Regionale 41/1993.

Legge 13/1989- Requisiti richiesti:
La disciplina legislativa prevista dalla L. 13/1989 riconosce l'erogazione di un contributo a favore del privato che effettua lavori di abbattimento delle barriere architettoniche in abitazioni.
Modalità di presentazione della domanda:
La domanda deve essere presentata su apposito modulo disponibile presso l'Ufficio Servizi Sociali ed entro il 1 marzo di ogni anno.
Alla domanda devono essere allegati:
Legge 41/1989- Requisiti Richiesti
La Legge Regionale n. 41/1989, riconosce un contributo economico a favore di Enti Pubblici, soggetti privati, le persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale e coloro i quali abbiano in carico i citati soggetti. Le opere di abbattimento delle barriere architettoniche riguardano: Modalità di presentazione della domanda:
La domanda, su modulo disponibile presso l'Ufficio Servizi Sociali, deve essere presentata unitamente a:
Si sottolinea che sia la L. 13/1989 che la L. R. 41/1989, impongono la presentazione della domanda prima dell'inizio dei lavori. Alla loro conclusione inoltre, si dovranno presentare le copie autenticate delle fatture comprovanti le spese effettivamente sostenute.
 

Contributo per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione

Il contributo viene erogato a quanti pagano un canone di affitto con regolare contratto registrato e che si trovano nelle condizioni economiche previste.
Requisiti richiesti:
I richiedenti NON devono essere titolari, al momento della domanda, di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su alloggi o parti di essi, ovunque ubicati.
Modalità di presentazione della domanda:
Le domande di partecipazione deve essere inoltrate all'Ufficio Servizi Sociali comunale entro il termine fissato annualmente dalla Regione Veneto.
 
__________________________________________________________________________________

SERVIZI IN CONVENZIONE CON L’UNIONE DEI COMUNI DEL MAROSTICENSE
 

Consegna pasti caldi a domicilio

Consiste nella distribuzione di pasti presso il domicilio di persone anziane, prive di supporto familiare ed incapaci di attendere regolarmente all'incombenza quotidiana della preparazione del proprio pasto.
Requisiti richiesti:
Situazione di persona anziana o disabile priva di supporto familiare
Modalità di presentazione della domanda:
La domanda può essere presentata durante tutto l'anno.
 

Soggiorni climatici per anziani

Il Comune organizza ogni anno, nel periodo di Giugno-Settembre, dei soggiorni-vacanza in località turistiche montane, marine o termali al fine di offrire a tutte le persone anziane momenti di svago, socializzazione e divertimento. In ogni gruppo è prevista la presenza di un animatore e di personale infermieristico.
Modalità di presentazione della domanda
Ogni anno il Comune di Mason Vicentino provvede a comunicare mediante affissione di manifesti e avvisi pubblici, i termini di iscrizione ai soggiorni.
 

Assistenza domiciliare

Requisiti richiesti:
Persone con ridotta autonomia per handicap, invalidità, disturbi del comportamento e disagio sociale
Modalità di presentazione della domanda:
L'attivazione del servizio avviene su richiesta dell'interessato o di chiunque sia informato della necessità assistenziale in cui versa la persona. L'Ufficio si riserva la possibilità di richiedere ogni documentazione ulteriore ritenuta utile per la valutazione della domanda. L'Assistente Sociale istruisce la pratica, predispone una proposta di intervento che sarà poi oggetto di valutazione da parte del Responsabile del Servizio.
Partecipazione al costo del servizio in base alla situazione economica del nucleo familiare.
 

Telesoccorso - Telecontrollo

E' un servizio di pronto intervento attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell'anno, e garantisce un rapido soccorso a persone anziane e inabili attraverso l'utilizzo dell'impianto telefonico dell'abbonato (collegato alla centrale operativa Tesan e a strutture pubbliche) e di un apposito apparecchio che l'utente dovrà portare sempre con se. Partecipazione al costo del servizio in base alla situazione economica del nucleo familiare.
Requisiti richiesti:
Condizione di anziano o affetto da invalidità permanente che vive solo o in coppia sola.
Modalità di presentazione della domanda:
La richiesta deve essere presentata all'Assistente Sociale che provvederà ad accertare le condizioni di salute e familiari dell'interessato.
 
 
__________________________________________________________________________________

INTERVENTI REGIONE VENETO - ULSS
 

Finanziamento per progetti di aiuto alla persona con handicap grave, previsti dalla legge n. 162/98

Ogni anno la Regione trasferisce alle Aziende Sanitarie un fondo specifico destinato alla realizzazione di servizi integrativi per rispondere alle molteplici necessità delle persone che si trovano in situazione di maggiore gravità.
Il contributo può essere richiesto dalle persone in situazione di handicap grave (legge 104/92, art. 3, co.3), in base ad un progetto personalizzato e concordato con l’operatore dell’Azienda U.L.S.S. e l’assistente sociale del Comune di residenza. L’eventuale finanziamento assegnato dovrà essere utilizzato per retribuire un assistente personale, regolarmente assunto, con il compito di sostenere la persona disabile e la sua famiglia nella gestione della vita quotidiana e nel conseguimento di una maggiore autonomia di vita.
Requisiti richiesti:
età compresa tra 0 e 64 anni. Nel caso il progetto riguardi interventi rivolti alla vita indipendente, il disabile fisico (cioè il disabile che non presenta alcuna patologia di tipo intellettivo o psichico) dovrà avere un’età compresa tra i 18 e i 64 anni.
Modalità di presentazione della domanda:
Le persone interessate alla predisposizione del progetto di assistenza individualizzata potranno rivolgersi agli Sportelli Informa Handicap e agli assistenti sociali dell’U.O. Disabilità e dei Comuni. Le richieste per la predisposizione di un progetto individualizzato dovranno pervenire presso gli Sportelli Informa Handicap entro il termine fissato annualmente dall'Azienda Sanitaria.
 

Assegno di sollievo

E' un contributo economico riconosciuto alla famiglia che assiste a domicilio una persona con disabilità, una persona anziana non autosufficiente o un malato terminale.
E un riconoscimento economico alla famiglia per il carico assistenziale che la stessa deve affrontare nel momento in cui si verifica una situazione di emergenza. In questi casi la famiglia potrà richiedere l’aiuto di persone appartenenti alla cerchia familiare o alla rete sociale, non ordinariamente impegnate nell’assistenza alla persona, oppure potrà attivare personale di assistenza fornito da specifiche agenzie locali.
Requisiti richiesti:
Vengono stabiliti annualmente in base all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) del nucleo familiare anagrafico della persona assistita. Le situazioni di emergenza al verificarsi delle quali è possibile richiedere il contributo sono:


Valore dell'assegno di sollievo
L’assegno avrà un valore proporzionale ai giorni di assistenza assegnati, fino ad un massimo di € 600,00 per un periodo di 30 giorni, prorogabili fino ad altri 30 giorni.
Modalità di presentazione della domanda:
La domanda, che può essere presentata durante tutto l’anno è reperibile presso:
all'assistente sociale del Comune di residenza, qualora sia avanzata da famiglie che assistono persone anziane non autosufficienti (a partire dai 65 anni di età) o malati terminali;
all'assistente sociale dell'U.O. Disabilità dell’Azienda Ulss, qualora sia avanzata da famiglie che assistono persone con disabilità (fino a 65 anni di età).
 

Buono Servizio

E’ un contributo economico che permette alla famiglia di usufruire di una retta giornaliera agevolata per un’accoglienza temporanea del familiare non autosufficiente (anziano o disabile) presso una struttura residenziale (RSA, Casa di Riposo, Comunità Alloggio).
Può essere richiesto in due casi:

Requisiti richiesti:
Vengono stabiliti annualmente in base all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) del nucleo familiare anagrafico della persona assistita.

Le situazioni di emergenza per la pronta accoglienza sono:

Valutazione da parte dell’Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale (U.V.M.D.) della necessità di supportare la famiglia nella attività di cura e di assistenza a causa della particolare complessità della situazione familiare e sociale.
Per quanto tempo si può beneficiare del buono servizio:
E’ possibile usufruire della retta agevolata per un massimo di:

Sarà l’UVMD a stabilire, sulla base della specifica situazione presentata, il numero di giornate di accoglienza residenziale da assegnare.
Modalità di presentazione della domanda:
La domanda, che può essere presentata durante tutto l’anno è reperibile presso:
all'assistente sociale del Comune di residenza, qualora sia avanzata da famiglie che assistono persone anziane non autosufficienti (a partire dai 65 anni di età) o malati terminali;
all'assistente sociale dell'U.O. Disabilità dell’Azienda Ulss, qualora sia avanzata da famiglie che assistono persone con disabilità (fino a 65 anni di età).